Il cielo di gennaio di 70 anni fa

 


Qualche tempo fa, gironzolando in una libreria di Venezia, mi sono imbattuta in un vecchissimo calendario appeso. “Cielo d’Italia” datato 1947 se ne è venuto a casa con me. Ora che sta per iniziare il 2017, a settant’anni distanza, ho voluto trascrivere alcune note relative al mese di gennaio lì  riportate:

Qualche ricorrenza

La prima notte del secolo scorso-1° gennaio, 1801-il cielo di Palermo svelò a un assiduo osservatore di stelle, il padre Giuseppe Piazzi valtellinese, un bianco oggetto che stella non era, perché da una notte all’altra cambiava posizione sulla sfera; e cometa non era, bensì un minuscolo pianeta che venne denominato Cerere. Prima scoperta di satelliti del Sole circolanti fra le orbite di Marte e Giove.

Qualche stella

Fortunato chi possiede un binocolo. Lo alzi verso Orione; la piccola fila di stelle al di sotto della cintura ha già qualcosa di nebuloso all’occhio, bellissimo al binocolo: con centro nella st. theta Orionis, è una “nebulosa diffusa” formata di polveri illuminate e atomi luminosi. Vista forse cinquecento anni luce, ed è tanto estesa che le sue sfumature sono accolte da insistenti pose fotografiche fin su tutta la plaga denominata Orione.

Le stesse stelle sono ancora lì, ma è bello sentirselo dire con parole un po’ retrò. Ecco un’immagine dello stesso cielo, forse un po’ meno suggestiva di quella riportata nel calendario, ma più comprensibile.

 

 

 

 

You can leave comments by clicking here, leave a trackback at http://www.jamjar.biz/il-cielo-di-gennaio-di-70-anni-fa/trackback/ or subscribe to the RSS Comments Feed for this post.