header image

Ritrovarsi in una notte di stelle cadenti in compagnia del Piccolo Principe, di Louis Armstrong, di Vittorio Gassman e di Livio Gratton non ha prezzo.

Ascoltate questo racconto su WIKIRADIO e date uno sguardo al cielo, le prossime sere.

Nella notte fra il 12 e il 13 agosto il fenomeno raggiungerà la sua massima intensità… anche se per noi la data del cuore è quella del 10.

PS. e se proprio non avete l’opportunità o la fortuna di avvistare una meteora, consolatevi con queste bellisime immagini tratte da vecchi atlanti stellari che ho la fortuna di possedere.

Elena

 

 

 

 

cercando la costellazione della Clessidra… esisterà davvero?

‘Cara Diane, qui c’è sabbia in ogni direzione e fino a dove riesci a spingere lo sguardo. Di notte però, non si guarda la sabbia ma il cielo: ci sono così tante stelle da togliere il respiro. Credo staresti sve-glia a guardarle per ore. Un abbraccio, zio Vertov.’
Lui stava a guardare le stelle nelle ore in cui il sonno non arrivava. Anche a quelle latitudini era possibile distinguere la costellazione della Clessidra, ma appariva rovesciata. Lo avrebbe raccontato a Diane. (da “L’arte delle gocce rosse“)

 

Rubo un piccolo spazio a questo sito. Chi mi conosce sa che amo raccontare. Racconto il cielo, lo spazio, le scoperte astronomiche e le faccende mitologiche. Racconto anche altre storie, una di queste è diventata un libro. Il titolo è “L’arte delle gocce rosse” edito da Ciesse edizioni.
Troverete macchine volanti e vecchiette esperte di erbe. Troverete la miraggina, una sostanza allucinogena che dona visioni. Poi incontrete  Malinka e la vecchia Usta, Vertov il mercante e la piccola, inquietante, Diane: ognuno con la propria ossessione, malattia, perversione. Ogni tanto, insieme a loro, usciremo all’aria aperta, di notte, per attardarci ad ammirare le stelle.

Presenterò il libro in un bel parco, il 9 settembre. Se passerete dalle parti di Monselice (PD) venite a trovarmi, berremo assieme un bicchiere.

Se avete voglia di leggerlo, troverete sicuramente qualcosa di diverso nel formato che preferite, cartaceo o digitale. Ecco dove trovarlo. Grazie per l’attenzione.

Elena

 

Venerdì 10 agosto le stelle cadenti si ascoltano alla radio: alle ore 14.00, sulle frequenze di Radio3, la puntata di Wikiradio sarà dedicata alle meteore di agosto, a chi le ha osservate, studiate e… trasformate in poesia.

Sintonizzate la vostra radio o cliccate sul sito di Wikiradio

 

 

 

 

Per chi, la sera, si trovasse a passare dalle parti di Padova e desiderasse osservarle dai giardini e le terrazze di un imponente castello, l’appuntamento è al Castello del Catajo, a partire dalle 21.30. Tutte le informazioni su questo sito

 

 

ATTENZIONE!! Causa maltempo, questo evento è stato posticipato al 4 agosto, non perdetelo!!

Anche questa estate all’Oasi Cervara di Quinto di Treviso (TV) ci saranno serate da trascorrere all’aperto, immersi nel fascino e nei suoni della Natura. Ci saranno “Incontri notturni fra alberi, acque, attori, scienziati, musicisti e narratori, la scienza, la poesia, la musica:tre modi per leggere e raccontare il cammino esplorativo dell’uomo.

Guardachecielo.it vi aspetta sabato 21 luglio: alle 19.30 si parte facendo rotta verso sud, guidati da stelle e musica. Dalle 21.45 comincerà l’esplorazione del cielo di luglio alla ricerca di costellazioni e pianeti.

Maggiori informazioni a questo indirizzo

immagine generata con Stellarium

Cosa succede il 27 luglio?

La Luna piena verrà oscurata dall’ombra della Terra. Assisteremo a una eclissi totale di Luna. Per oltre un’ora non ci apparirà luminosa e brillante, ma cupa oscura, rossastra.

Il culmine dell’evento, il momento in cui l’oscuramento risulterà massimo, si verificherà intorno alle 22.20, ma l’eclissi è un fenomeno che vale la pena seguire nel suo evolversi magari uscendo ad osservarla già alle 21.30 quando inizia la fase di totalità (che si concluderà intorno alle 23.13).

La Luna impiegherà 1 ora e 43 minuti per uscire dal cono d’ombra della Terra: davvero un bel po’ di tempo. La fase di totalità di questa eclissi sarà la più lunga di tutto questo secolo.

Non solo Luna! Questo è anche il periodo ideale per osservare il pianeta Marte che, trovandosi in opposizione al Sole, brilla della sua caratteristica luce riflessa più rossiccia che mai. Difficile non notare il pianeta rosso: la notte del 27 si troverà appena più basso sull’orizzonte di quanto non lo sia la Luna, non dovremo nemmeno distogliere troppo lo sguardo.

immagine generata con StarryNight

E non scordiamoci di cercare anche Giove e Saturno! Se stiamo puntando alla Luna, spostiamo lo sguardo a destra, verso sud e poi ancora più a destra verso ovest: noteremo due puntini dalla luce decisa, non tremolante come quella delle stelle, sono Saturno e Giove (molto luminoso).

Auguriamoci solo che le nuvole non s’intromettano ad oscurare questo spettacolo!

Immagine generata con StarryNight

 

Dopo quindici rappresentazioni andate tutte esaurite, torna al Planetario di Padova l’evento record d’incassi organizzato da Guardachecielo.it.

SABATO 21 LUGLIO alle ore 21, Andrea Bassato suona alle tastiere alcune rare colonne sonore di Ennio Morricone capaci di trasportarci tra le stelle e su mondi lontani. Accompagnate dalle proiezioni sulla cupola del Planetario, realizzate in esclusiva dall’astronomo Luca Nobili di Guardachecielo.it, ci faranno scoprire da una prospettiva inedita il rapporto tra l’uomo e lo spazio, la ricerca di altre forme di vita e la vastità dell’Universo. Prenotazioni aperte su www.planetariopadova.it o scrivendo a segreteria@planetariopadova.it oppure telefonando in orario ufficio allo 049773677.

Il concerto può essere portato in esterna in teatri, planetari e altre strutture interessate.  Contattatteci per tutte le informazioni .

Venerdì 27 luglio l’evento astronomico dell’anno: una spettacolare eclissi di Luna durante la quale vedremo il nostro satellite colorarsi di rosso scuro! Nel cielo potremo inoltre ammirare Marte, Giove e Saturno.

Guardachecielo.it vi aspetta presso il Planetario di Padova (via Cornaro 1, Padova) con una spiegazione unica e speciale dell’eclissi, che sfrutta la tecnologia della cupola del Planetario. In modo semplice e adatto a tutte le età, capiremo perché avviene l’eclissi e perché la Luna non diventa nera ma rossa. Nel parco dell’Ex Macello, dove si trova il Planetario, saranno presenti  postazioni con proiezioni e telescopi per osservare la Luna e anche Saturno con i suoi anelli.

Attenzione: il Planetario di Padova comunica che sono già state superate le 200 prenotazioni, pertanto per i rimanenti posti è necessario prenotare quanto prima andando su www.planetariopadova.it, o scrivendo a segreteria@planetariopadova.it oppure telefonando allo 049773677. Biglietto intero: 8 euro, ridotto: 6 euro.

 

 

Stelle, Luna, pianeti brillanti, il passaggio occasionale di una meteora oppure il transito della Stazione Spaziale Internazionale: è tutto a nostra disposizione, non resta che uscire e alzare lo sguardo.
Se poi c’è l’occasione di farsi guidare alla scoperta del cielo, mentre si passeggia nel giardino di un castello, allora proprio non si può mancare.
Anche questa estate vi aspetto per numerosi appuntamenti in luoghi da scoprire con il fascino della notte. Dove? Quando? Trovate tutto QUI , ma tornate a dare un’occhiata: ci saranno aggiornamenti e nuovi appuntamenti .

Venerdì 4 maggio, alle 21.00, vi aspetto a Limena (PD) per presentare e sfatare alcune false convinzioni sul Sole, sulla Luna e sulle stelle. Si tratta di errori in cui inciampano in molti, ma proveremo a smascherarli insieme. Sarà una serata con tanti sbagli e zero sbadigli. Ah, ricordo anche che l’ingresso è libero.

Strano che qualcuno non abbia ancora parlato di fine del mondo: certo che a leggere che il 31 gennaio la Luna sarà SUPER, BLU e pure DI SANGUE si potrebbe pensare a chissà quali cataclismi astronomici. Invece, come spesso succede, si tratta di tanto rumore intorno a termini usati in modo non appropriato che senza dubbio rischiano di portare l’immaginazione molto lontana dalla realtà. Cosa succede allora?
Succedono 3 cose più o meno in contemporanea, ovvero:

– ci sarà un’eclissi di Luna (che però non sarà visibile dall’Italia)

– la Luna sarà in fase di Luna piena e (quasi) contemporaneamente si troverà alla minima distanza dalla Terra (perigeo)

– questa Luna piena sarà la seconda Luna piena del mese.

 

Potremmo dire allora che si verificherà una eclissi della seconda luna piena del mese molto prossima al perigeo.

Che poi ci sia la moda di chiamare SUPER la luna piena al perigeo, BLU la seconda luna piena del mese e DI SANGUE la luna eclissata e come questi termini possano creare false aspettative, è un argomento di cui si può discutere a lungo.

Se ne parla proprio il 31 gennaio a RADIO3 SCIENZA, ore 11.30: non mancate! (PS: ecco la PUNTATA!)

« Older Entries