Sfogliando il vecchio “Quaderno del Cielo curioso”, in compagnia di Riccardo e del suo papà

Scoprire che  a distanza di parecchi anni dalla sua uscita (era il 2011) la prima “cosa” che io abbia mai pubblicato si faccia ancora sfogliare e sperimentare, è una grande soddisfazione. Soprattutto se a farlo sono un bambino con il suo papà, perché io “Il Quaderno del Cielo curioso” lo avevo pensato proprio per far giocare insieme gli adulti e i bambini. Qualche giorno fa mi ha scritto Roberto dicendomi che lui e il piccolo Riccardo, di quasi 6 anni, si sono divertiti a seguire le istruzioni riportate nel quaderno. Hanno realizzato cose eccezionali, lo dico perché le ho viste e ora le faccio vedere anche a voi! Cominciamo da:

“L’arcobaleno nel tubo”

Questo è un rudimentale spettroscopio, ovvero uno strumento molto semplice che funziona come un prisma, per scomporre la luce nei suoi colori. Basta un rotolo di cartone, un vecchio CD, forbici, nastro adesivo e un po’ di manualità… Ecco quello di Roberto e Riccardo: bellissimo fuori e coloratissimo dentro!

 

 

 

 

 

 

Foto di Roberto Marrapodi

 

Nella foto a sinistra c’è anche 

La Luna in scatola”

Cosa c’è dentro? La Luna naturalmente! Anzi, una pallina da ping pong che presenta le fasi, se non ci credete ecco le prove:

Foto di Roberto Marrapodi

 

Ma la realizzazione che mi è piaciuta di più è:

“La Luna animata”

E visto che è animata, mica poteva star ferma in una foto. Ecco il video.

Grazie Roberto e Riccardo, siete stati bravissimi!